Capire il Rischio e la Volatilità (articolo ripubblicato su FundsPeople)

a financial blog
a personal financial blog

Sui mercati finanziari si definisce volatilità la misura dell’incertezza circa l’andamento dei corsi azionari.Tanto maggiore è la volatilità che caratterizza il prezzo di un titolo azionario, tanto più ampia è l’oscillazione che esso stesso può registrare, in aumento o in diminuzione, in un definito orizzonte temporale. In questo senso la volatilità è intesa come una misura del rischio di un investimento, poiché l’oscillazione del prezzo di un titolo incide direttamente sul rendimento che l’investitore può conseguire attraverso la dismissione dello stesso titolo presente nel proprio portafoglio. Di conseguenza ad oscillazioni ampie del prezzo possono corrispondere profitti o perdite altrettanto importanti. Maggiore, dunque, ne risulta il rischio associato.

In virtù di quanto sopra è fondamentale per un investitore, quindi, tenere in assoluta considerazione questa misura di rischio dell’investimento che si accinge ad effettuare. Se proviamo ad osservare alcune serie storiche azionarie, in particolare le serie relative ai rendimenti che hanno registrato nel tempo, possiamo notare come ad esempio mostrino un’alternanza di periodi caratterizzati da osservazioni a varianza bassa cui ne seguono altri caratterizzati, invece, da varianza alta. Questo fenomeno noto come volatility clustering, è una delle constatazioni empiriche che sono alla base delle teorie che considerano i mercati finanziari come inefficienti, caratterizzati da sostanziale asimmetria informativa. 

Presupporre quanto appena sostenuto, fa pensare alla possibile presenza di una certa “persistenza della volatilità che rappresenterebbe un fatto di notevole importanza per quanti, occupandosi di finanza, debbono affrontare problemi di asset allocation”.

Leggi su Funds People

Roberto Bramato

Advisor, presso la società di Revisione e Consulenza BDO Italia SpA (www.bdo.it), nell'area Risk Advisory Services, per le tematiche di Governance, Risk, Internal Control. Laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari nel 2006, con una tesi in Tecnica di Borsa. Master in Gestione del Risparmio (Tor Vergata, 2006); Corso di Formazione Universitaria in Diritto e Tecnica dell'assicurazione (LIUC di Castellanza, 2011); Executive Master in Credit Management (Il Sole 24 ORE Business School, 2014). Breve esperienza in Banca Popolare Pugliese, nel 2007. Dal 2011 contributor per siti specializzati e riviste on line quali Diritto 24 – Il Sole 24 Ore, Compliancenet.it, DirittoBancario.it, AnalisiBanka.it, Simplybiz.net.